lunedì 19 novembre 2012

I colori dell’autunno

Le Langhe sono un posto magico. Sarà quell’atmosfera speciale, il susseguirsi di piani di colline e saliscendi a perdita d’occhio. Sarà il fascino di quel terreno giallo e friabile che genera anno dopo anno vini straordinari. Sarà l’irripetibilità di un microcosmo sempre uguale a se stesso, che in tempi di mordi e fuggi da globalizzazione esibisce con fierezza contadina aziende pluricentenarie ancora saldamente in salute.

Le Langhe sono uno di quei rari posti che sanno esser belli tutto l’anno. D’inverno, immersi nelle brume, con i filari spogli, mille e mille dita che indicano un cielo incupito e gravido di neve. In primavera, col risveglio dal letargo invernale, le prime foglioline che fanno capolino nei vigneti e i noccioli intirizziti che si scuotono di dosso la rugiada. D’estate, quando il calore del sole esalta le vigne e ogni filare mostra orgoglioso i suoi grappoli preziosi. E infine d’autunno.

L’arcobaleno della natura è un tramonto novembrino con il sole sospeso in quella lingua di cielo tra le nuvole e i crinali puntuti di campanili e torri. E illumina con i suoi ultimi raggi una gamma tonale degna di un Pissarro. Signori: ecco a voi le Langhe. D’autunno.







12 commenti:

  1. Complimenti!!!
    Sei su www.crepapelle.net

    ChaoLin

    RispondiElimina
  2. Grazie Chaolin,

    sempre un piacere ritrovarti! E con l'occasione passare a farti un saluto sul tuo salutarissimo sito!

    A presto,
    HP

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia ! gli scatti sono davvero straordinari...Per me è un paesaggio molto familiare con queste colline a perdita d'occhio, i vigneti, la nebbia...Ma, devo dire, anche molto strano perché non ho mai visto vigneti di questo colore rosso...

    Alex

    RispondiElimina
  4. ciao Alex,

    grazie del commento! Effettivamente non è capitato molte volte nemmeno a me di riuscire a trovare il momento giusto della stagione per fissare questa gamma incredibile di colori. E pensare che fino a pochi minuti prima era tutto grigio, perchè il sole era nascosto dalle nuvole. Poi, d'improvviso, è sbucato, ed allora si sono accese mille tonalità di giallo, di rosso, di marrone, di verde, tutto sapientemente assortito dalla natura. Altro che certi pittori!

    Grazie ancora, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  5. Splendidi posti, splendide fotografie...

    RispondiElimina
  6. savinapr@tin.it21 novembre 2012 15:59

    Paesaggio d'una bellezza struggente. E i suoi sapori uguagliano la preziosità dei suoi colori. Penso in particolare ai tartufi...
    Tesea

    RispondiElimina
  7. Meravigliosi colori, altro che l'Indian Summer del Vermont. Pero' manca il bianco del tartufo di Alba!
    Ciao HP, a presto

    dragor (journal intime)

    RispondiElimina
  8. soto tutte foto stupende, ma la seconda è davvero speciale, sembra un dipinto

    RispondiElimina
  9. ciao kmagnet,

    piacere di trovarti qui, grazie della visita e del commento. Ho fatto una rapida visita dalle tue parti, ripasserò a trovarti e nella tua lista blog visitati ho anche trovato qualche blog interessante per il tè, una delle mie piccole passioni...

    grazie ancora, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  10. ciao Tesea,

    sono lieto che ti siano piaciute le mie foto. Eeh, i tartufi... c'è gente che fa delle vere follie per una sfogliata di tartufo su due uova al paletto o su dei taiarin in bianco...

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  11. ciao Dragor,

    non ho mai visto l'Indian Summer, ma certo che le Langhe hanno davvero degli scorci belli...

    In quanto al tartufo, certo che manca! Quello se ne sta sottoterra, e solo i cani dal fiuto più fino sono capaci di scovarlo...

    Grazie della visita e del commento, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  12. ciao Clau,

    mi piace che ognuno esprima una sua preferenza. Mi hai fatto riflettere. Quale mi piace di più? Per motivi differenti ognuna mi piace per qualche particolare, ma se dovessi dire a pelle, forse la terza. Perchè adoro riprendere il Sole in pieno controluce. E lo puoi fare solo al tramonto, senza bruciarti gli occhi - e la macchina fotografica!

    Grazie della visita e del commento, a presto,
    HP

    RispondiElimina