venerdì 12 agosto 2011

Nizza è... - 1a parte

Dedicato all’amico Dragor, che mi ha chiesto di raccontarne, segno evidente di una comprensibile nostalgia. Non scrivo su commissione, ma questa volta è diverso. Dragor, questo è per il regalo che non ti ho potuto dare, perché sei partito per l’Africa pochi giorni prima che io fossi lì, nella tua città. Da leggere ascoltando mentalmente le sole note della bellissima Napule è, di Pino Daniele.

Nizza è...

In Francia. Sembra banale, ma agli occhi di un italiano fa effetto tutto questo spiegamento di sentimenti nazionalistici. Sette bandiere, mica una. Un orgoglio che a noi manca.

Francese. Uno scatto così in Italia susciterebbe anatemi. Ristorante del Gesù? Vade retro Satana. Scherza coi fanti e lascia stare i santi. Invece qui è normale che il ristorante dirimpettaio della bellissima chiesa del Gesù si chiami come il suo artistico vicino di casa.

Pulita. Non solo ci sono cartelli ovunque ammonenti i proprietari di cani che parchi e giardini son lì per il piacere di tutti, e non per collezionare cacche canine. C’è un’attenzione quasi maniacale anche per i dettagli. Spolverare le bocce dei lampioni, una ad una, con cura. Alzi la mano l’italiano che ha visto fare ciò nella sua città. Sarò lieto di congratularmi con la sua amministrazione comunale.

Una vecchia signora. Bella anche con qualche ruga evidente. Il fascino non ha età.

Felicità. Di poter sguazzare allegramente in una fontana di Place Massena, alla ricerca di qualche tesoro da riportare al padrone.


Continua domani, con altre fotostorie.

13 commenti:

  1. E' molto bella, ma sai cosa mi piace di più di Nizza? Il Museo Nazionale Marc Chagall...

    RispondiElimina
  2. Stavo per andarci ieri, a Nizza, da Bordighera dove abito, poi mi sono perso per strada ... Tento nei prossimi giorni. Chissa' che non trovi anch'io qualcosa di inedito, anche se non ho amici come i tuoi cui dedicare eventuali fotografie ...

    RispondiElimina
  3. Adoro Nizza... credo di avere delle vecchie fotografie (era pre-digitale). Se le trovo, le pubblicherò anch'io in onore dell'amico Dragor.

    RispondiElimina
  4. Ciao Valentina,

    grazie della visita e del commento. E della segnalazione. Non ho visto tutto, a Nizza. Il museo Chagall alla prossima occasione!

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  5. ciao Adriano,

    grazie della visita e del commento. Sicuramente troverai degli scorci interessanti, degli angoli inediti. Nizza è generosa nell'offrire tutto ciò.

    Buon weekend, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  6. Ciao Pim,

    ottima idea. Sono certo che Dragor apprezzerà. E se risalgono all'era della cara vecchia pellicola, magari proverà un po' di nostalgia per le immagini di tempi ormai andati...

    Grazie del commento, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  7. Quello che piace agli italiani a Nizza, è la Francia....

    RispondiElimina
  8. ciao Alex,

    infatti si fa fatica a sentir parlare francese, camminando certi giorni - o certe sere - per le vie centrali di Nizza...

    RispondiElimina
  9. teseas@yahoo.it16 agosto 2011 15:05

    E' un regalo anche per me.
    La mia Nonna paterna, nizzarda DOC, quando ero piccola mi parlava sempre di questa cittadina (allora) che mi pareva incantata, rievocando luoghi e tempi della sua giovinezza.
    Chissà, un giorno prendo un treno e ci torno. Il suo mare è sempre stato più invitante di questo ligure.
    Ciao
    Tesea

    RispondiElimina
  10. Ciao Tesea,

    che bello scoprire fatti personali, legami, memorie, nei commenti. E' per questo che si scrive: per suscitare emozioni, e rivivere quelle già provate ogni volta che si rilegge, che si riassaporano le immagini.

    Torna a Nizza. Troverai una città certo diversa da quella che conosceva tua Nonna (bellissima la maiuscola!), ma una città che merita comunque vedere.

    Grazie della visita e del commento, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  11. Sono commosso, ho quasi voglia di tornare. Nella casa gialla in fondo al Cours Saleya ha abitato Matisse. In un famoso quadro compare la sua stanza. Certo, Nizza e' genovese nel centro storico fra il mare e il corso del Paillon (oggi coperto) e piemontese nelle piazze adiacenti (Garibaldi e Massena) ma francese nel resto. Nel Quartier des Musiciens, dove abito, trovi il miglior art deco e il miglior Second Empire di Francia, meglio di Parigi. Grazie per questo meraviglioso regalo, ricambiero' appena passo da Cuneo.
    Tesea, altro che cittadina, siamo la quarta citta' di Francia. Piu' grandi di Bordeaux!

    Ciao a tutti, a presto

    dragor (journal intime)

    A presto,

    A presto

    RispondiElimina
  12. Ti e' bastato poco per diventare un vero Nizzardo. Nemmeno un accenno alla Promenade des Anglais. Infatti i Nizzardi la snobbano...

    dragor (journal intime)

    RispondiElimina
  13. Ciao Dragor,

    grazie della visita e scusa il ritardo nel risponderti. Sono lieto che tu abbia apprezzato la mia trilogia dedicata alla tua città. E grazie delle segnalazioni, la prossima volta non mancherò di visitare anche il Quartier des Musiciens.

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina