domenica 14 agosto 2011

Nizza è... - 3a parte

Siamo all'epilogo della trilogia.

Vivibile (e tecnologica!). Con tante biciclette a disposizione di cittadini e turisti. Per una modica mercede potete girare per la città senza inquinare e senza scarpinare. E poi diciamocelo: avevate mai visto una bicicletta con la trasmissione cardanica? Donne: niente più catena in cui andare a far impigliare le gonne. Da degli italiani convinti che la patria della meccanica fine sia il bel paese: chapeau!

Disperata. C’è chi dorme, nel tardo pomeriggio, nascosto da un plaid al mondo indifferente, proprio a due passi da Place Massena. Attorno bambini giocano, coppie passeggiano, ragazzi palleggiano con maestria. Tutto il mondo è paese.

Artistica. MAMAC. Una visita – bella sorpresa – gratuita. Basta qualificarsi come italiani. Molti non sanno che non si paga. Meglio così. Le opere – nemmeno cintate – ringraziano.

Bellissima. Architetture raffinate. Ed una Cattedrale Russa da non perdere.

Buonissima. Punto. Servono davvero le parole?

10 commenti:

  1. Convinto di conoscere ormai bene Nizza la cattedrale russa la scoprii, invece, sbagliando strada. O cercando un parcheggio. Poi, mi sono messo a documentarmi un po' meglio. W le coquillage, W il Ferragosto!

    RispondiElimina
  2. Ciao Adriano,

    è così che spesso si scoprono scorci interessanti delle città: sbagliando strada!

    Buon ferragosto a te, dovunque tu lo trascorra.

    A presto,
    HP

    RispondiElimina
  3. In Francia, tutte le biciclette tipo vélobleu hanno la trasmissione cardanica. Forse, è un'altra cosa da sapere : le mostre permanenti nei musei pubblici francesi sono sempre gratis...e le ostriche vengono sempre servite a dozzine....
    Per quanto riguarda la cattedrale russa. Tutti i nizzardi hanno un antennato arciduca percio sognano la vecchia russia zarista. Il povero arciduca sarebbe stato cacciato via dai comunisti...in realtà, il tizio campava già a Nizza prima la rivoluzione, trascorrendo le giornate tra il casinò e i bordelli...

    Alex

    RispondiElimina
  4. Ciao Saamaya,

    grazie della visita. Vedo che anche a te piacciono le ostriche!

    buon ferragosto, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  5. Ciao Alex,

    grazie della visita e delle precisazioni. Mi interessa sentire il punto di vista degli amici francesi che mi leggono. Ora aspetto che Dragor dica la sua, ed essendo Nizzardo penso troverò ancora altri pareri...

    Buon ferragosto (si festeggia da voi?), a presto,
    HP

    RispondiElimina
  6. Accidenti ai bufali, mi hanno fatto arrivare in ritardo. Grazie per la splendida descrizione della mia citta', divertente, interessante, spiritosa e mai banale nella miglior tradizione di HP. Io non aggiungerei niente perche' questa e' la descrizione di un visitatore, non di un abitante, e com'e' noto le impressioni di chi viene da fuori sono preziose. Pero' da Nizzardo vorrei chiederti: hai provato a prendere un Vel'Azur? Ci vuole come minimo un diploma in informatica. E quando lo hai preso, nel traffico nizzardo la tua vita non vale piu' un centesimo. Perfino il nostro scrittore Louis Nucera ci ha lasciato la pelle mentre circolava in bici credendosi a Copenaghen.
    Mi sembra che la facciata Secondo Impero sia quella del liceo Massena. Mi sbaglio?
    Tornero' sugli altri post, mi pare di essere a casa. A presto!

    dragor (journal intime)

    RispondiElimina
  7. teseas@yahoo.it16 agosto 2011 15:26

    L'immagine finale con l'esposizione delle ostriche, mi ha convinta: ci tornerò presto. Anche per gustare un buon cuscus.
    Complimenti per l'originalità e la completezza della presentazione, estesa a ogni aspetto dell'universo nizzardo.
    Ciao
    Tesea

    RispondiElimina
  8. ciao Dragor,

    hahaha, bellissima la tua storia del safari e dell'incontro ravvicinato con i bufali!

    Grazie del commento, aspettavo tue notizie, visto che questo post nasce per te... Non ho avuto modo di provare ad usare il velò, ma la prossima volta mi cimento. Vediamo se le mie scarse capacità tecnologiche soccombono alle procedure da seguire! Mi spiace sentire che apparentemente c'è poco rispetto per i ciclisti per strada.

    La facciata l'hai colta in pieno, è proprio il Lycée Masséna!

    Grazie della visita, ti aspetto sugli altri due episodi del trittico... a presto,
    HP

    RispondiElimina
  9. ciao Tesea,

    troppo buona, come al solito. Di sicuro ci sono molte cose che ho trascurato o non ho visto del tutto. Ma ho cercato di spaziare un po', per non fare il solito banale reportage spiaggia e monumenti...

    In quanto al cuscus, mi dicono degli amici che c'è un ottimo posto a poca distanza da Nizza. Ma non ho avuto tempo di provarlo di persona...

    Grazie dei commenti, a presto,
    HP

    RispondiElimina