venerdì 3 settembre 2010

Geni sconosciuti

Che cos’è il genio? È la capacità di raccontare una storia con un’immagine. Ed ancor di più, di sapere succingere, nelle poche parole di un’aforisma, un concetto, un significato, una fonte di ispirazione, un esempio.

Di questa virtù rendo merito allo sconosciuto cittadino della rete che si firma cavscout, forse americano, certo padrone di ottimo inglese e di arguzia da vendere. Ha saputo dare un titolo – e chiosare da maestro – una bellissima, emblematica foto di Oscar Pistorius.

SUCCESSO

Allora, che scusa hai adesso?

Prima pubblicazione : 27 ottobre 2009

4 commenti:

  1. Io avrei dato il titolo : Leg up. Poi, sotto la foto, la didascalia : give him a handicap ! Condivido quello che hai scritto nei commenti l'anno scorso, ma comunque, mi sento a disagio con la didascalia di Cavscout...Non saprei bene spiegarlo...Forse, perché mi sembra che sia la foto di un atleta, non di un disabile che fa dello sport....perché penso che Pistorius non abbia nessuna voglia di essere un eroe o un esempio ; ha vinto la corsa per lui...Forse, ancora, perché quando leggo la parola successo penso ai perdenti cioè a quelli che sono arrivati dietro Pistorius....
    Alex

    RispondiElimina
  2. ciao Alex,

    un bel commento, pieno di riflessioni. Sono sicuro che Oscar non si consideri un eroe, ma solo una persona che vuole vincere una sfida con se stesso, e provare agli altri che con ciò che la natura ci lascia si può comunque fare molto, moltissimo.

    Forse "successo" è un termine che la mentalità dei vincenti a tutti i costi ha un po' danneggiato. Chi arriva dietro a Pistorius non ha corso abbastanza veloce, tutto qui. Può dipendere dalla costituzione, dall'allenamento insufficiente. In tutte le gare è così: uno vince, tutti gli altri si devono accontentare dei posti che conseguono. Del resto, ricordiamoci, si impara di più dalle sconfitte che dalle vittorie.

    Grazie della tua assidua frequentazione, a presto (spero, da domani Cina, e non garantisco di poter accedere qui)
    HP

    RispondiElimina
  3. teseas@yahoo.it5 settembre 2010 21:50

    Confesso: non capisco la meccanica della foto, ne' il senso del commento.
    Tesea

    RispondiElimina
  4. ciao Tesea,

    ti rispondo in ritardo, uscito oggi dalla parentesi di black-out cinese.

    La meccanica della foto è questa: Oscar Pistorius, atleta sudafricano, nato con una rara malformazione (l'assenza di entrambi i peroni), ha subito l'amputazione di entrambe le gambe ad undici mesi di età. Ciononostante è un campione di sprint, e sta cercando di arrivare a competere nelle prossime olimpiadi - non le paralimpiadi.

    Il senso del commento è: quante volte cerchiamo delle scuse banali e ridicole per giustificare sbagli e pigrizia. Se ce l'ha fatta Oscar a correre i cento metri piani in undici secondi e rotti - è soprannominato "la cosa più veloce senza gambe" - che scusa abbiamo noi per non dare il meglio di noi stessi?

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina