sabato 31 dicembre 2011

Com’è profondo il mare

In pochi posti si ha una sensazione di infinito come qui. Sembra di essere ai confini del mondo. Ed è vero. La prima terra – il Cile – è a oltre ottomila chilometri. Mare a perdita d’occhio, e quando la vista si è stancata di guardare, ancora e ancora mare. Ecco l’Oceano Pacifico Meridionale, da un piccolo villaggio appena a sud di Sydney.

Una distesa blu talmente immensa, maestosa, incommensurabile, da farti sentire piccolo e insignificante. Eppure sereno. Un prato ventoso, il cielo terso dell’inverno australe, due bambini che giocano, uno stormo di gabbiani appiedati dalle folate tese che arruffano le piume e spingono ad elemosinare briciole dagli sporadici umani.

Ci sono posti nel mondo che hanno il potere di farti sentire in pace con te stesso. Questo – per me – è uno. Un augurio di fine anno a tutti perché ognuno possa trovare questo luogo speciale, in giro per il mondo o dentro al proprio cuore.


Buon 2012!


14 commenti:

  1. Grazie per le tue parole che ho letto inizialmente senza guardare l'immagine e che ho riletto la seconda volta lasciandomi immergere in un paesaggio che ho scoperto esistere anche dentro di me.

    E questo è anche il mio augurio, di trovare noi stessi in posti fuori di noi.

    Buon fine anno e buon anno che verrà

    RispondiElimina
  2. deliziosi gabbiani

    RispondiElimina
  3. teseas@yahoo.it31 dicembre 2011 18:54

    Quello che mi meraviglia, dell'immagine di questo Oceano Pacifico, è vederlo così davvero 'pacifico'. Ne ho un ricordo, visto dalla Sunshine Coast, di un mare perennemenmte arruffato percorso da grandi cavalloni.
    La pace e la serenità suggerite dal paesaggio col suo azzurro e i suoi gabbiani, accompagnino tutti noi nell'imminente 2012
    Tesea

    RispondiElimina
  4. ciao Betelgeuse,

    grazie della visita e benvenuta tra i miei commentatori! Mi ha fatto piacere il tuo messaggio, e contraccambio i tuoi auguri!

    Per chi passa di qui: prendetevi qualche minuto e fate una scappata a visitare il blog di Betelgeuse. Vi dico solo che è... appetitoso!!! A me piace.

    Ciao, a presto e ancora buon 2012,
    HP

    RispondiElimina
  5. ciao anonimo,

    grazie della visita e dell'apprezzamento!

    Buon anno nuovo,
    HP

    RispondiElimina
  6. ciao Tesea,

    quando si ha la fortuna di incontrare questo mare - solitamente inquieto - in fase di calma quasi piatta, bisogna fargli una foto. Quel giorno ne ho fatta qualcuna, e questa è il mio congedo al 2011 ed il piccolo regalino per i miei amici lettori!

    Grazie di frequentare di nuovo queste pagine, ti auguro un sereno 2012, un abbraccio,
    HP

    RispondiElimina
  7. Uomo libero, amerai sempre il mare...come diceva il poeta...
    Buon 2012 HP a te e a tutti i tuoi lettori...

    Alex

    RispondiElimina
  8. ciao Alex,

    grazie degli auguri, che contraccambio di cuore al mio più affezionato e assiduo lettore e commentatore!!

    Buon 2012, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  9. Ciao HP, aka Ferdi,

    Sono in ritardo per gli auguri del Nuovo Anno, ma te li faccio lo stesso.
    É un piacere condividere le tue emozioni, e presto dovrei avere un update del mio fotoalbum, al rientro dalle mie ferie (ho lavorato fino al 30, e sono in ferie seguendo il calendario russo).
    Stay tuned!

    RispondiElimina
  10. ciao Danilo,

    grazie degli auguri, che contraccambio di cuore, a te e alla tua sposa.

    Resto in attesa di vedere i nuovi album online!

    A presto,
    HP

    RispondiElimina
  11. ...grazie per il tuo messaggio che leggo solo ora. Avrei voluto risponderti in privato ma non ho trovato la tua mail.
    Continuo a seguire con molto interesse i tuoi post...

    Buona giornata

    Giulia

    RispondiElimina
  12. ciao Giulia,

    grazie della replica e della segnalazione, che mi ha consentito di accorgermi che nel mio profilo (in alto a destra, cliccando accanto alla foto) non era visibile la email: ora l'ho corretto, e se vorrai potrai contattarmi anche in privato.

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  13. Un po' in ritardo, ma questo post è magnifico. Cosi' si capisce l'origine della saudade, lo sgomento dei portoghesi di fronte all'immenso Atlantico. Una terra precaria e il destino nell'infinito...

    dragor (journal intime)

    RispondiElimina
  14. ciao Dragor,

    le visite a post passati mi mettono sempre di buon umore. Quando poi trovo dei commenti, meglio ancora. Mi piace chi si dà la pena di andare a scartabellare tra le cose vecchie.

    Grazie dell'apprezzamento per questa celebrazione dell'anno nuovo, a presto,
    HP

    RispondiElimina