venerdì 6 gennaio 2012

Medioevo? Oggi!

Una micidiale miscela di ignoranza, superstizioni e mancanza di valori morali.

Merce di scambio. Un padre venticinquenne dell’Andhra Pradesh (India) ha sottratto il figlio di quattro mesi alla madre ed ha cercato di venderlo per 300 rupie (meno di 5 euro) per pagarsi il vizio del bere. La polizia, messa in allarme dalla donna, si è presentata sul luogo del vile commercio. Il compratore e l’indegno padre sono scappati, abbandonando la creatura che è stata così restituita alle cure materne. I due rimangono latitanti.

Indifferenza punita. Un uomo cinese ha ignorato (come troppo spesso accade laggiù per una qualsiasi disgrazia in corso) le urla di richiesta di soccorso da parte di un bambino di sei anni in procinto di affogare, ed ha proseguito il suo cammino come se nulla fosse.

Doppiamente indegno. Perché il bimbo, che è poi annegato, è risultato essere suo figlio.

Invece di flagellarsi per la sua criminale ignavia, l’infame individuo ha pensato bene di sfruttare la situazione, citando in giudizio il locale comitato (si suppone per la mancanza di protezioni che impedissero al figliolo di cadere in acqua) e chiedendo una compensazione di quasi sessantamila euro (che sono una cifra piuttosto ragguardevole in buona parte della Cina).

Il tribunale ha respinto la sua richiesta. Dovrebbe esistere una legge – da noi si chiama omissione di soccorso – che punisce fatti del genere. Invece pare ci si debba accontentare che questo ignobile essere umano non sia stato premiato con un cospicuo gruzzolo, ottenibile tramite lo sfruttamento della morte del proprio figlio. Occorrono altri commenti?

La prova della purezza. Una donna di 37 anni di un villaggio dell’Andhra Pradesh (ancora lì...) è stata accusata dal marito di essergli stata infedele. Invece di risolvere la cosa parlandone, o eventualmente andando in tribunale, la soluzione della spinosa questione è stata lasciata al locale consiglio degli anziani. Il quale ha deciso che la supposta fedifraga, per provare la propria fedeltà al marito, doveva sottoporsi ad una prova tradizionale (la cui accuratezza è scientificamente convalidata da secoli di caccia alle streghe): immergere le mani in acqua bollente.

Ora la sposa – con gravi ustioni alle mani – ha superato il test, ed il marito può finalmente dormire sonni tranquilli: non è cornuto. Il vecchi bacucchi che hanno ordinato questa criminale imbecillata si sono giustificati affermando che questo è un rituale tipico, comune nella loro casta.

Sacrifici umani. Due uomini sono stati arrestati nell’India centrale, in relazione all’uccisione di una bambina di sette anni. Il suo corpo, privato di alcuni organi interni, è stato trovato ad una settimana dalla sua scomparsa.

La polizia ha finalmente messo le mani sugli assassini, rei confessi. I due, poveri agricoltori ignoranti, hanno ammesso di aver rapito una bambina a caso, sacrificandola ai loro dei per ottenere dei raccolti migliori.

Tutto questo senza neppure la scusa di esser stati ispirati dal film Apocalypto.


Che ci crediate o meno, queste notizie non sono tratte da qualche arcaica leggenda tramandata oralmente fino ai giorni nostri. Sono fatti riportati dalle cronache degli ultimi sei giorni. Siamo nel 2012, ma gli ultimi seicento anni – in certi posti del mondo – sono trascorsi invano. Bentornati nel medioevo.


2 commenti:

  1. teseas@yahoo.it6 gennaio 2012 18:51

    Forse anche la civiltà, come la storia, 'non facit saltus'. Chissà quanto tempo impiegheranno i protagonisti dei fatti descritti a raggiungere un livello di civilizzazione accettabile?
    Tesea

    RispondiElimina
  2. Ciao Tesea,

    visto l'andamento delle cose, sarà già un risultato se non regrediremo anche noi... I presupposti ci sono tutti, vedo un imbarbarimento dei costumi ed un livello di accettazione della violenza (quella piccola, apripista di quella grande) come mai prima. Siamo anestetizzati. E sarebbe ora di svegliarci e fare qualcosa.

    In quanto agli esempi del mio post, difficile dare risposte alla tua domanda. Se non cambia radicalmente qualcosa, la vedo male specie per la Cina. L'indifferenza e l'individualismo la fanno da padroni laggiù.

    Grazie della visita, a presto,
    HP

    RispondiElimina