lunedì 11 aprile 2011

Honesty Box

La cassetta dell’onestà. Così sta scritto su una scatoletta provvista di fessura per le monetine, in un parco vicino a Brisbane, dove vivono quasi al naturale koala e canguri.

Cassetta che invita, con discrezione e facendo leva solo sul sentimento dell’onestà di ciascuno, a versare il modesto obolo di venti centesimi – diciamo trecento delle vecchie lire – in cambio di un sacchettino di carta pieno di mangime per i canguri.

Ce n’è un cartone pieno vicino al barattolo dei soldi e nessuno, lì, che possa controllare. Ognuno è libero di essere onesto, o meno. E per un prezzo irrisorio.

Prima pubblicazione : 17 luglio 2007

4 commenti:

  1. Allora, il turista australiano non sarà spaesato in Italia ! Le honesty box sono ovunque. Ovviamente, all'ingresso di ogni monumento perché gli italiani non hanno tanti parchi naturali con koala e canguri. Casseta che invita a versare il modesto obolo in cambio di un cero....
    Alex

    RispondiElimina
  2. teseas@yahoo.it14 aprile 2011 14:17

    Credo che chi è motivato a nutrire e apprezzare gli animali non speculi su di loro, e tenda piutttosto, se le sue condizioni lo permettono, ad aumentare il proprio contributo a loro favore.
    Tesea

    RispondiElimina
  3. Ciao Alex,

    mah, io la vedo così. Forse quella del cero contro obolo è una delle poche honesty box che funziona davvero in Italia. Non perchè gli italiani siano fondamentalmente onesti. Ma perchè dove ci sono i ceri c'è l'occhio invisibile che li giudica. Millenni di sensi di colpa e di minacce emotive hanno sortito un bel risultato. Quando si è in chiesa, ci si sente sempre un po' giudicati. Per questo che diventano improvvisamente un po' più onesti.

    Peccato che fuori di lì perdano la sensazione di essere osservati. Non farebbe male un po' più di onestà...

    Grazie del commento, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  4. Ciao Tesea,

    credo che tu abbia ragione. Però bisogna anche aver fiducia che quei soldi vadano davvero a far del bene agli animali. In Australia c'è da crederci. Più che in Italia.

    Grazie della visita, a presto,
    HP

    RispondiElimina