giovedì 23 dicembre 2010

Costolette di maiale

Evento raro in uno zoo californiano: una tigre ha dato alla luce tre gemellini di tigrotto. Sfortunatamente, a causa di complicazioni nella gravidanza, i tre cuccioli erano troppo prematuri e dopo pochi giorni sono tutti morti.

La madre, pur rimessasi dal parto, ha cominciato presto a dar segni di infermità, nonostante il suo fisico stesse bene. I veterinari, sorvegliando il regredire della paziente, hanno stabilito che la tigre era caduta in depressione per la perdita dei suoi piccoli. Ed hanno sentenziato che forse l’unica cura poteva essere supplire alla mancanza con qualche cucciolo di un’altra madre, come talvolta accade spontaneamente negli animali in libertà.

Purtroppo un’ampia ricerca in molti altri zoo non ha dato risultati apprezzabili. Non c’era in giro nessun tigrotto di età adatta, per confortare la madre addolorata. Ma i dottori volevano salvare la loro tigre triste. Ed hanno tentato un esperimento audace, primo zoo al mondo a osare tanto, basandosi sul fatto riscontrato in natura che talora una madre si prende perfino cura di cuccioli di altre razze.

I soli orfani disponibili rapidamente erano una masnada di porcellini da svezzare. I guardiani dello zoo li hanno “travestiti” da tigrotti, e li hanno piazzati attorno alla tigre giù di corda. Sarebbero diventati maialetti o costolette?

Date un’occhiata...

Ora, se si possono vedere cose del genere, ditemi un po’: perché gli uomini proprio non riescono ad andare d’accordo?

Prima pubblicazione : 6 marzo 2009

9 commenti:

  1. Queste immagini mi scatenano sempre grande emozione.
    Dagli animali bisogna SOLO imparare.

    RispondiElimina
  2. ciao Marta,

    non so cosa avrei dato per poterle vedere di persona quelle immagini!!

    Ma è già una fortuna poterlo testimoniare, un episodio così straordinario.

    Grazie della visita e del commento, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  3. solo una parola| grandioso. grazie!

    RispondiElimina
  4. Verissimo...

    Abbiamo solo da imparare...

    RispondiElimina
  5. cari Anonimi,

    grazie delle visite e dei commenti. Purtroppo non posso essere piu' specifico e personale, perche' non ho vostri maggiori riferimenti.

    Grazie comunque di aver speso del tempo non solo per leggermi, ma anche per lasciarmi una riga di apprezzamento!

    A presto,
    HP

    RispondiElimina
  6. teseas@yahoo.it28 dicembre 2010 15:06

    Splendido esempio di umanità vera, reperibile quasi soltanto fra le belve.
    Tesea

    RispondiElimina
  7. Ciao Tesea,

    sapevo che avresti apprezzato. Splendido davvero. Niente da dire: bestie battono uomini dieci a zero.

    Grazie della visita, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  8. Ma che dolcezza!!!!
    Mi si stringe il cuore e ne esce miele a vedere queste immagini...
    L'istinto materno è sicuramente una delle cose più strane e non ancora perfettamente spiegate che distingue la femmina.
    Mi ha fatto star bene vedere tanta pace animale senza di te non avrei saputo la notizia..
    Grazie

    RispondiElimina
  9. Ciao Mo,

    grazie del commento! E' vero, l'istinto materno è una cosa quasi insondabile. Come dice la parola, istinto puro, non ci sono spiegazioni partenti dalla testa per gesti come questo.

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina