domenica 19 dicembre 2010

Aspettando Godot

Talvolta non occorre andare all'estero per catturare immagini espressive. Basta la propria città un sabato mattina. Vecchiaia in attesa di qualcosa, raccontata in uno scatto.


Cuneo, by Homing Pigeon

4 commenti:

  1. teseas@yahoo.it19 dicembre 2010 14:35

    L'immagine mi richiama i versi di una poesia carducciana:'CUNEO, POSSENTE(nella solida architettura degli archi dei suoi portici) E PAZIENTE(nel vecchio in attesa)'...
    Tesea

    RispondiElimina
  2. Bellissimo scatto.
    L'uomo abita sopra, è stato cacciato via dalla badante che sta faccendo le pulizie di casa...o allora...la moglie è andata dal parrucchiere o a fare la spesa....Comunque, l'uomo sta aspettando gli amici...parleranno in dialetto : storie di malattie, ricordi di lavoro, della guerra....A proposito, sai chi è morto ieri ?. Sarà l'occasione di andare al bar, prendere un bicchiere di Barbera d'alba...La felicità.
    Alex

    RispondiElimina
  3. Ciao Tesea,

    grazie della visita e della citazione Carducciana. E' vero, c'è una certa similitudine tra l'immagine ed i versi...

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina
  4. Ciao Alex,

    grazie della visita! Carina l'interpretazione dell'attesa. Purtroppo anche in questi luoghi di tradizione si vanno perdendo quei locali dove la gente si trovava a giocare a carte e a bere vino dell'oste nei mezzi litri col piombino...

    Ma qualcuno eroicamente resiste ancora all'avanzata dei nuovi colonizzatori: i cinesi che arrivano con un sacchetto della spesa pieno di soldi e comprano negozi come fossero caramelle.

    Ciao, a presto,
    HP

    RispondiElimina